Messaggio
  • Utilizzo Cookie

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

    Informativa

INTERVISTA A MATHIAS GALLO CASSARINO

E-mail Stampa PDF

 

Mathias Gallo Cassarino, l'astro nascente della muay thai, si racconta attraverso una serie di domande che la redazione di K1Rules.com gli ha posto:

1
Età, Luogo e data di Nascita


Ho 18 anni, sono nato a Venaria Reale (TO) il 19 Dicembre del 1992.

2
Quando e a che età ti sei avvicinato al mondo degli sport da combattimento ed in particolare della Muay Thai?

All’età di 2-3 anni, quando venivamo in vacanza in Thailandia, andavo a vedere gli allenamenti di mio padre e tiravo giusto due calci nella parte bassa del sacco. In Italia quando avevo circa 7-8 ho cominciato a fare Judo, ma poi ho smesso perche ho capito che non era lo sport che faceva per me. A 9-10 anni ho cominciato ad andare in palestra e allenarmi di Muay Thai.

3
Descrivici la tua giornata tipo? (studio, allenamento, altro)


La mia giornata tipo si è un pò modificata da quando ho finto le superiori, prima andavo solo a correre al mattino e poi andavo a scuola e al pomeriggio andavo in palestra.

La mia giornata tipo attuale è: Mattino alle 7.30 prendo il motorino e vado in palestra, vado a correre e a seguire l'allenamento. Verso le 11 torno a casa faccio colazione, leggo qualche pagina di libro o giornale e poi vado a dormire per 2 ore circa. Al risveglio faccio pranzo e mi metto al computer per qualche lavoretto o semplicemente per svago oppure esco se ho qualcosa da fare, fino alle 5,30 ora di tornare in palestra, mi alleno fino alle 9. Verso le 9.30 sono a casa, faccio la doccia e cena. Dopodiché guardo un film, resto al computer oppure alle volte esco per 1 o 2 ore fino a mezzanotte circa quando vado a dormire.


4
In che camp ti alleni, chi è il tuo istruttore, che rapporto hai con lui?

 

Mi alleno al PATTAYA KOMBAT di Pattaya, il mio maestro e manager è Christian Daghio, mentre il mio allenatore è Yai, un Thailandese. Ho un rapporto di confidenza e complicità con entrambi.

5
Quando hai lasciato l'Italia per trasferirti in Thailandia? Cosa hai provato quando hai lasciato l'Italia?

 

Nel 2006 abbiamo deciso di trasferirci in Thailandia, io avevo 14 anni. L’impatto è stato duro, all’inizio mi mancava molto l’Italia ma dopo qualche mese mi sono ambientato grazie alla scuola, la palestra e alle amicizie create qui.


6
La vita in Thailandia, vivi ogni giorno e vedi tanta povertà, cosa pensi? Qual'è il tuo rapporto con la Thailandia, ti senti amalgamato o ti senti uno straniero, un "farang"?

 

Si, c’è molta povertà ma c’è anche molta ricchezza, purtroppo in Thailandia la classe media è molto rara. Io penso che i poveri vivono bene, si accontentano di poco e sono felici anche se negli ultimi anni vedendo gli stranieri e i Thailandesi ricchi, si sono accorti che c’è qualcosa di più che vorrebbero anche loro.

Qui io sarò sempre un “farang” anche se, soprattutto nell’ambito della Muay Thai, mi sento rispettato e trattato come uno di loro. Questo perché essendo qui da tanti anno ho imparato a conoscerli, a parlicchiare la loro lingua e come comportarmi con loro.

7
Come è stato vincere al Lumpinee contro un avversario Thailandese? Come il pubblico thailandese ha accolto la tua vittoria?

 

Vincere al Lumpinee è stata un emozione fortissima e una grande soddisfazione anche perchè oltre a vincere nello stadio più importante del mondo e in un gala prestigioso è stata la ricompensa per il duro lavoro è il sacrificio delle settimane precedenti.

I Thailandesi si sono congratulati con me con il sorriso sulla bocca, e lo fanno sempre ed ovunque. Ritengo che siamo molto sportivi e leali anche verso noi stranieri.

8
Ti manca l'Italia? Pensi che un giorno tornerai a vivere qui?

Certo l’Italia mi manca, per molti aspetti. Probabilmente si, nel futuro mi troverò sicuramente a passare momenti della mia vita in Italia anche se non so se perennemente o no.

9
Parlaci di tuo padre Roberto e del rapporto che hai con lui? La passione che ti ha trasmesso, l'impegno per farti emergere..

 

Roberto è un gran padre e soprattutto un grande supporto psicologico ma anche a livello di fatti. Mi insegna molte cose, mi consiglia, mi guida e mi fa vedere situazioni in modi diversi. Posso dire di avere un ottimo rapporto con mio padre. Si, mi ha trasmesso la passione anche se quella è nata e cresciuta negli anni e mi ha insegnato valori come costanza e determinazione.

10
Chi sono i tuoi campioni preferiti? parlaci di loro e se hai avuto modo di conoscerli e di allenarti con loro.

 

I miei campioni preferiti sono per quanto riguarda i thailandesi Buakaw Por. Pramuk con cui ho avuto il piacere di allenarmi e di conoscerlo, Sudsakorn Sor. Klinmee che conosco dato che vive a Pattaya anche lui ma non mi sono mai allenato insieme, Kem Sitsongpeenong, a volte vado nella palestra dove si allena perché oltre a lui ci sono molti campioni thailandesi del mio peso con cui scambiare, Saenchai Sinbimuaythai, non lo conosco ma ho visto un suo incontro dal vivo

Per quanto riguarda i “Farang” ovviamente Christian Daghio, il mio maestro, Giorgio Petrosyan, che ho avuto il piacere di conoscere grazie alla LEONE, sponsor che abbiamo in comune, Antoine e Victor Pinto, due Francesi che ho avuto il piacere di incontrare in vari galà qui in Thailandia. Vivono e combattono in Thailandia da moltissimi anni e li rispetto molto per aver raggiunto livelli cosi alti a una giovane età. Ramon Dekkers, dove ho assistito un suo incontro in Italia dal vivo quando ero molto piccolo, ma io non ricordo niente purtroppo.

11
Nel tuo tempo libero quali sono i tuoi hobby e le tue passioni?

 

Ho qualche hobby come la fotografia, l’editing di foto e video al computer, il nuoto; anche se non posso dire di essere bravo in nessuna di queste cose. Mi piace molto fare ovviamente anche cose comuni come guadare film, leggere, videogiochi e uscire con amici, ragazze ecc.

12
Quali sono le tue ambizioni future? Chi sarà Mathias Gallo Cassarino?

 

Non posso prevedere il futuro, ma quello che vorrei avere raggiunto livelli molto alti e aver conquistato titoli importanti nella Muay Thai ma soprattutto essere stimato e ricordato. Per quando riguarda alla fine della mia carriera penso che mi dedicherò a business di diverso tipo.

 

Ringraziamo Mathias per la collaborazione,

 

Redazione K1Rules

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2011 20:40  
Quali di questi attrezzi preferite per l'allenamento ?
 

Bestfighter Wako World Cup 2017 - 15 giugno Rimini 26 Maggio 2017, 13.44 andrea NEWS
Bestfighter Wako World Cup 2017 - 15 giugno Rimini
Cari colleghi Coach, sono lieto di invitarvi al Bestfighter Coppa del Mondo Wako
Read More 42 Hits 0 Ratings
ELIOS LULAJ vince la medaglia d'oro all'HUNGARIAN WAKO WORLD CUP 2017
Elios Lulaj del Team Pitzalis di Roma alla tenera età di sedici anni vince il torneo
Read More 242 Hits 0 Ratings
UFC 212: Aldo vs. Holloway - 3 giugno 2017 Jeunesse Arena Rio de Janeiro, Brazil
UFC 212: Aldo vs. Holloway - 3 giugno 2017 Jeunesse Arena Rio de Janeiro,
Read More 54 Hits 0 Ratings
Thai Fight Italy - 27 maggio Torino 09 Maggio 2017, 15.50 andrea MUAY THAI
Thai Fight Italy - 27 maggio Torino
Thai Fight Italy King of Muay Thai27 maggio 2017PalaRuffini Viale Burdin 10
Read More 155 Hits 0 Ratings
CRISTINA CARUSO SUPERSTAR , Campionessa del Mondo WAKO PRO 68 kg
CRISTINA CARUSO SUPERSTAR , Campionessa del Mondo WAKO PRO 68
Read More 639 Hits 0 Ratings
Tot. visite contenuti : 5107500

Condividi le tue foto da Instagram

#sitok1rules

Ultimi Commenti

 65 visitatori online